April: The History of A Love.

Continuate a Votare su Grazia.it !!

Rubo il titolo da una raccolta di Joseph Roth per raccontarvi questo mese incantato che, seppur neanche a metà, mi ha già regalato emozioni e felicità che sono sicura porterò con me per lungo tempo.

Regram from Mardou_ : benches like open books in Rue De Seine, Paris

Regram from Mardou_ : benches like open books in Rue De Seine, Paris

Dopo anni di umore altalenante sono tornata a festeggiare il mio compleanno con gli amici di sempre, i più cari, quelli con cui ho condiviso goffaggini, avventure, confidenze, paure, successi o semplicemente silenzi privi di imbarazzo.Ci siamo ritrovati tutti ( o quasi) in una domenica mite e serena che ci ha fatto assaporare la spensieratezza di una vacanza a lungo attesa…

L'F shoes by Mardou_

L’F shoes by Mardou_

Giusto il tempo di riprendermi dall’ultimo brindisi analcolico ed era ora di partire per Parigi…finalmente!

Ben Stiller and Stella Tennant by Annie Leibovitz, Vogue 2001

Ben Stiller and Stella Tennant by Annie Leibovitz, Vogue 2001

Come al solito l’adrenalina ha fatto sì che il viaggio sia durato un secondo e in un attimo, uscita dalla metropolitana, ecco il Cafè De Flore a darmi il benvenuto nella città dei sogni e dei ricordi, dove passato e presente respirano insieme in ogni via, mentre i versi di una poesia di Rimbaud fanno da sottofondo ad angoli affascinanti e palazzi meravigliosi…

Arthur Rimbaud: " Le Bateau Ivre" Rue Fèrou, Paris

Arthur Rimbaud: ” Le Bateau Ivre” Rue Fèrou, Paris

Arthur Rimbaud: " Le Bateau Ivre", Fondation Tegen Beeld in Rue Fèrou, Paris

Arthur Rimbaud: ” Le Bateau Ivre”, Fondation Tegen Beeld in Rue Fèrou, Paris

Mi sono alleggerita dei bagagli e sono subito uscita, per una passeggiata a Saint Germain fino ai Jardin De Luxembourg, per approfittare del caldo pomeriggio di sole. Ai piedi, la mia nuova ossessione primaverile: le slippers di Stubbs&Wooton, modello Lyford, il classico tocco americano che piace tanto alla vecchia Europa..;-)

Lyford Slippers by Stubbs&Wootton

Lyford Slippers by Stubbs&Wootton

Jardin De Luxembourg, Paris

Jardin De Luxembourg, Paris

Dopo la pausa ristoratrice, il primo indirizzo in cui mi sono recata è stato al numero 8 di Rue de Tournon, dove mi aspettava la boutique di Marie Hèlène de Taillac. Devo dire che ho da poco scoperto di amare l’oro giallo satinato e credo che le creazioni colorate ed uniche di questa designer francese che racchiude i colori dell’ India nei suoi gioielli siano dei capolavori che illuminano e fanno splendere ogni donna…

Marie Hèlène de Taillac rings

Marie Hèlène de Taillac rings

Rainbow necklace by Marie- Hèlène de Taillac

Rainbow necklace by Marie- Hèlène de Taillac

Dopo l’immancabile aperitivo a Les Deux Magots, ho ancora passeggiato nel Quartiere Latino, il mio preferito, fino ad arrivare alla Senna…

“Quando
la notte è a svanire
poco prima di primavera
e di rado
qualcuno passa

Su Parigi s’addensa
un oscuro colore
di pianto

In un canto
di ponte
contemplo
l’illimitato silenzio
di una ragazza
tenue

Le nostre
malattie
si fondono

E come portati via
si rimane

Ungaretti: La Nostalgia

Paris by Night

Paris by Night

L’indomani è stato giorno di mostre e musei: prima fra tutte quella di Mapplethorpe al Gran Palais , nei cui scatti è racchiusa tutta la scena artistica degli anni ’70-’80, poi di corsa da Dries Van Noten a Les Arts Dècoratifs.
Un percorso lungo ed affascinante alla ricerca delle fonti di ispirazione dello stilista belga: da Chanel ad Elsa Schiaparelli, passando per le opere di Damien Hirst e James Reeve, senza contare i film di Luchino Visconti e Almodòvar e le contaminazioni di Iris Apfel…assolutamente imperdibile.

Robert Mapplethorpe @Gran Palais, Paris

Robert Mapplethorpe @Gran Palais, Paris

Dries Van Noten "Inspirations", Les Arts Decoratifs, Paris

Dries Van Noten “Inspirations”, Les Arts Decoratifs, Paris

Pomeriggio di shopping da Cire Trudon, per una candela nuova per la mia casetta, qualche bijoux colorato da Satellite e poi queste meravigliose flat modello Raquel della modella designer estone Inga Savits…dove? nella boutique di Gordana Dimitrijevic in Rue de Seine..;-)

Satellite Paris windows, Paris

Satellite Paris windows, Paris

Bracelet Cheyenne by Satellite Paris

Bracelet Cheyenne by Satellite Paris

Raquel shoes by Inga Savits spring 2014

Raquel shoes by Inga Savits spring 2014

Inga Savits

Inga Savits

Le giornate sono sempre troppo brevi in una città come questa e in un attimo ero di nuovo a cena, di nuovo nel quartiere del Marais ad assaporare le atmosfere magrebine al 404,vera e propria vacanza nella vacanza…

In così poco tempo non sono tornata all’ Orsay, ma dovevo tornare al Louvre: è sempre una sorpresa…

The Ceiling by Cy Twombly, Louvre, Paris

The Ceiling by Cy Twombly, Louvre, Paris

Se il giro a Le Bon Marchè è fonte di ispirazione per le regole da seguire per acquisti intelligenti, il vero divertimento si trova da Colette, dove Parigi, New York, Londra e Milano sembrano incontrarsi in due piani in cui sarebbe tutto da comprare!😉
La mia scelta è ricaduta su un abito da sogno di Christopher Kane ( il suo tema dei fiori è la mia seconda ossessione di stagione) e sulle sneakers di Raf Simons per Adidas:un incanto.

Christopher Kane S/S 2014

Christopher Kane S/S 2014

Raf Simons for Adidas @Colette, Paris

Raf Simons for Adidas @Colette, Paris

Per le accanite lettrici come me, a pochi passi da Place Vendome, non perdetevi Galignani, la prima libreria inglese stabilitasi sul continente, mentre sulla Rive Gauche vi aspettano La Hune ed, ovviamente Shakespeare And Company

Galignani bookstore, Paris

Galignani bookstore, Paris

Shakespeare & Company, Paris

Shakespeare & Company, Paris

Potrei stare qui a scrivere ore, raccontandovi tutto ciò che ho visto e tutto ciò che mi sono ripromessa di fare quando tornerò…perchè tornerò molto presto e forse un giorno deciderò di restare.
🙂

Regram from Mardou_ , Pont Neuf, Paris

Regram from Mardou_ , Pont Neuf, Paris

3 pensieri su “April: The History of A Love.

  1. Pingback: On The Starting Blocks.. | Mardou' s Thinking About Shoes

  2. Pingback: Les Âmes fortes | Mardou' s Thinking About Shoes

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...