A Bigger Splash

L’arrivo tanto atteso della calda stagione quando mi trovo ancora imprigionata nel rovente cemento urbano, mi fa sempre pensare alle oasi artificiali delle piscine californiane nei quadri di David Hockney: mentre ho perso la sua retrospettiva alla Tate di Londra ad inizio anno, farò di tutto per recuperarla al Centre Pompidou di Parigi dal 21 giugno al 23 ottobre prossimi…

Il suo dipinto A Bigger Splash, titolo preso in prestito recentemente da Luca Guadagnino per il bellissimo film girato a Pantelleria con Tilda Switon e Ralph Fiennes, è il mio preferito in assoluto.

A Bigger Splash, David Hockney, 1967

Il pittore inglese ha deciso giovanissimo di trasferirsi stabilmente a Los Angeles dopo essere rimasto folgorato dalla sua luce e dai suoi colori, diventando forse il precursore di quella schiera di artisti e designer che continuano a trovare nella West Coast una fonte inesauribile di ispirazione ed equilibrio.

E’ del 1971, invece, l’opera che mi ha dato l’idea per questo nuovo articolo: se nel quadro precedente la testimonianza della presenza umana del tutto assente sulla tela era testimoniata dalla superficie dell’acqua scossa da un tuffo, in Pool and Steps sono un paio di scarpe abbandonate a bordo piscina che ci danno la notizia di qualcuno che probabilmente sta nuotando ma non è “inquadrato”…

Pool And Steps, David Hockney, 1971

Chiudo gli occhi e provo ad immaginare la vasca blu, il brivido della pelle scottata dal sole al contatto improvviso con l’acqua fredda ed intanto scelgo i sandali per un pomeriggio di relax magari allo Chateau Marmont, come in Somewhere di Sofia Coppola 😉

Somewhere by Sofia Coppola, 2010

Non posso che pensare a calzature super flat, colorate ed eccentriche come mi suggerisce l’interessante collaborazione tra Eres , il marchio di costumi francesi per eccellenza e Nupié, che da sempre avvolge le caviglie con deliziosi nastri di seta…

Eres and Nupié Sandals S/S 2017

Gisele, California 2016

La criss cross slide è sicuramente la linea più di tendenza per questa estate 2017: sono due i modelli di riferimento da scegliere in alternativa…

Il primo mixa il tocco etnico al blu mediterraneo ed è solo uno dei tanti di cui mi sono innamorata dando un’occhiata alla capsule collection che il brand sostenibile Lemlem  della top model Liya Kebede ha disegnato per Ancient Greek Sandals

Lemlem by Liya Kebede for Ancient Greek

Lemlem by Liya Kebede for Ancient Greek, Summer 2017

Il secondo è il Barth in satin di Gianvito Rossi: perfetto dal caldo torrido del primo pomeriggio, fino all’aperitivo tra un bagno e l’altro…

Gianvito Rossi Barth satin slide sandal 2017

 

Gianvito Rossi Barth slide sandal 2017

Un esclusivo pool party di inizio estate suggerisce poi preziosi abiti da sera che si specchiano nell’acqua cristallina mentre si sorseggia champagne…

Anche in questo caso, penso ad un elegante calzatura bassa, perchè trovo che ci sia qualcosa di terribilmente stridente nell’indossare tacchi alti ultimamente…

David Hockney, 1978

E’ fatto in Brasile il sandalo Odalia, punta di diamante della collezione d’esordio di Mercedes Castillo, designer spagnola a cui si devono nascita e successo delle calzature di Tory Burch.

Il dettaglio petalo in chiffon dona un tocco glamour al suede rosa abbinato ai lacci in pelle bordeaux…adorabile!

Mercedes Castillo Odalia Sandal 2017

 

Mikhail Baryshnikov swan dives into Oscar de la Renta’s Connecticut pool as the designer, Eliza Bolen, Aerin Lauder, and Marina Rust look on