Collezioni Vip e Fashion Blogger

Da Pagina99 19/04/2014

Il fashion business è alla continua ricerca di nuovi clienti che alimentino il suo complesso meccanismo, permettendo di mantenere prezzi altissimi e di rinnovare il sogno ad occhi aperti di principesse e dive senza perdite nel bilancio aziendale.
Dei 330 milioni di consumatori di lusso nel mondo – persone che spendono almeno 650 euro l’anno in prodotti d’alta gamma – 130 milioni vivono nei paesi emergenti e la previsione del medio periodo parla di una crescita che arriverà a 500 milioni nel 2030.
Se Russia e Cina rappresentano il caposaldo per il profitto dei brand più famosi, la vera sfida si gioca in Europa, dove gli acquisti subiscono costanti contrazioni.
Per rilanciare i consumi, la soluzione più convincente vede nascere collaborazioni tra marchi prestigiosi e grandi aziende del fast fashion mondiale, sotto l’egida del concetto di “ lusso accessibile” .

Kate Moss on British Vogue Cover, May 2014, wearing Topshop

Kate Moss on British Vogue Cover, May 2014, wearing Topshop

Il caso di H&M è emblematico: è bastato l’annuncio su Istagram della prossima limited edition con Alexander Wang, dopo quelle firmate da Lanvin,Versace, passando per Margiela e Isabel Marant per creare attesa e curiosità anche in quella parte di ceto medio che altrimenti non acquisterebbe in una boutique d’alta moda.

Alexander Wang for H&M, November 2014

Alexander Wang for H&M, November 2014

Ormai da tempo negli USA cantanti e celebrities firmano linee di abbigliamento low cost per noti marchi: Pharell Williams crea t-shirt e cappelli per Uniqlo, Jennifer Lopez disegna costumi per Yamamay e Kate Moss ha appena presentato la sua nuova collezione per Topshop, a conferma che la potenza di un personaggio famoso può far spostare sensibilmente la bilancia degli acquisti anche su larga scala.

Pharell Williams for  Uniqlo Spring 2014

Pharell Williams for Uniqlo Spring 2014

In Italia l’attenzione si sta concentrando maggiormente sui blogger, nuovi volti del fashion all’epoca dei social: le case di moda riservano loro il front row alle sfilate, omaggiandoli di abiti e accessori nella speranza che le migliaia di follower sul web si traducano in altrettanti nuovi acquirenti per i loro prodotti.
L’idea ambigua che il lusso diventi democratico se veicolato da persone qualunque elevate a status di celebrità dal mondo virtuale, porta ad un incremento delle vendite soltanto apparente e non duraturo per i brand, ma al contempo incrementa il profitto dei blogger, veri e propri imprenditori di se stessi.
Chiara Ferragni con seicentomila visite mensili sul suo The Blonde Salad ha una linea di scarpe distribuita in tutto il mondo, mentre Eleonora Carisi, una delle it girl italiane più conosciute, ha ideato una capsule collection per la primavera con il colosso tedesco Zalando.

Chiara Ferragni Shoes S/S 2014

Chiara Ferragni Shoes S/S 2014

Se il compito di influenzare i gusti del grande pubblico e quindi i suoi acquisti viene affidato a persone le cui competenze e la cui professionalità si sono forgiate a ritmo di autoscatti e status aggiornati su Facebook, cosa ne è dei veri designer e degli addetti ai lavori ?
Ancora una volta a rispondere è il mondo della comunicazione di massa. Riprendendo un format americano consolidato, è arrivato in Italia Project Runway, show televisivo che vuole rendere lo stilista una sorta di fenomeno pop, in cui creazioni e talento diventano il pretesto per inscenare uno spettacolo che ha il sapore di un Grande Fratello versione due punto zero.

Eva Herzigova for Project Runway Italia 2014

Eva Herzigova for Project Runway Italia 2014

A ricordarci che si sta parlando di moda è il premio in palio: un contratto nell’ufficio creativo di Trussardi e un editoriale su Marie Claire. Forse, come è già avvenuto per l’industria discografica, anche il mercato della moda ripartirà da un talent ?

regram from mardou_ , my article on Pagina99, April 19th

regram from mardou_ , my article on Pagina99, April 19th

Elisabetta Baou Madingou

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...