Yves Sain Laurent: Lo Stilista Come Artista

Da Pagina99 29/03/2014

Yves Saint Laurent black velvet sheat dress "Paris Rose", F/W 1983

Yves Saint Laurent black velvet sheat dress “Paris Rose”, F/W 1983

L’uscita nelle sale del film biografico dedicato alla figura di Yves Saint Laurent è stata accompagnata da un coro unanime di ottime recensioni.
Dopo: “ L’Amour Fou” di Pierre Thoretton, spetta alla pellicola interpretata da Pierre Niney rendere omaggio ad uno dei più celebri creatori di moda del XX secolo.

Yves Saint Laurent by Jalil Lespert, 2014

Yves Saint Laurent by Jalil Lespert, 2014

Ripercorrendo i momenti salienti della carriera dello stilista francese, che a soli diciassette anni divenne direttore creativo della Maison Dior, non si può fare a meno di constatare come le sue straordinarie intuizioni abbiano cambiato profondamente il corso della moda, elevandola a titolo di arte maggiore.
Nella sua costante ricerca di innovazione, Saint Laurent donò al guardaroba di ogni donna capi allora considerati prettamente maschili come il trench, il blazer, la sahariana e su tutti Le Smoking, nato nel 1966.

Le Smoking by Yves Saint Laurent, 1966

Le Smoking by Yves Saint Laurent, 1966

Per chi pensa che il binomio arte-moda sia una novità delle ultime stagioni, il film sottolinea come l’eterno enfant prodige dell’ haute couture fu il primo a rendere omaggio ai maestri della pittura del ‘900 con abiti rivoluzionari ed estrosi, sui quali rivivevano le opere di Picasso, Matisse, Mondrian e molti altri…

Yves Saint Laurent with Carla Bruni in wedding dove dress, tribute to Matisse, 1998

Yves Saint Laurent with Carla Bruni in wedding dove dress, tribute to Matisse, 1998

Ma sono principalmente le contaminazioni etniche e folcloristiche che hanno reso le sue creazioni uniche e meravigliose, sintesi di un attento rigore formale permeato di tessuti esotici e colori variopinti.

Yves Saint Laurent Jours De France, March 1969 Collections de Printemps

Yves Saint Laurent Jours De France, March 1969 Collections de Printemps

Se la sfilata Russian Ballet del 1976, i cui modelli più iconici compaiono nelle scene finali del film, entrò negli annali della moda, le sue collezioni avevano il sapore lontano dell’ India, della Cina e dell’Africa che si tradusse anche nella scelta avvenieristica di volere sulle passerelle le prime mannequin di colore.

Yves Sain Laurent Russian Collection 1976

Yves Sain Laurent Russian Collection 1976

YSL Russian Collection 1976

YSL Russian Collection 1976

Multicolor feather coat, chiffon dress with tiger print. Fall-Winter 1990. Foundation Pierre Bergé-Yves Saint-Laurent

Multicolor feather coat, chiffon dress with tiger print. Fall-Winter 1990. Foundation Pierre Bergé-Yves Saint-Laurent

Basta dare un’occhiata alle proposte di Maria Grazia Chiuri e Pier Paolo Piccioli di Valentino per la primavera 2014 o agli show evento Mètiers D’art di Karl Lagerfeld per Chanel, per rendersi conto che la lezione di Saint Lauren è più che mai viva ed attuale. Esotismi e riferimenti artistici, rivisitazioni di capi iconici e giochi d’identità sono il leitmotiv delle sfilate da Parigi a New York passando per Londra e Milano, oggi come quarant’anni fa…

Valentino spring 2014

Valentino spring 2014

Métiers d’Art 2012/13 Collection, Paris-Edinburgh

Métiers d’Art 2012/13 Collection, Paris-Edinburgh

La modernizzazione della figura femminile passò anche attraverso l’intenso legame con l’Algeria in cui Yves nacque ed iniziò a creare, e con Marrakesh, dove la villa Majorelle, acquistata insieme al compagno Pierre Berge, simboleggiò non solo il luogo di fuga dalla frenetica vita parigina e di ristoro dall’incombente depressione, ma anche un nucleo di ispirazione e confronto con i protagonisti della scena culturale dagli anni ’70 in poi.

Yves Saint Laurent in Marrakesh

Yves Saint Laurent in Marrakesh

Yves Sain Laurent in Marrakech, Jardin Majorelle

Yves Sain Laurent in Marrakech, Jardin Majorelle

Lou Lou De La Falaise, Yves Saint Laurent and Betty Catroux, Paris 1978

Lou Lou De La Falaise, Yves Saint Laurent and Betty Catroux, Paris 1978

E’ ancora una volta il film di Jalil Lespert a ricordarci che quello di Yves Saint Laurent fu il primo marchio che rese popolare il pret-a-porter,: con l’apertura della boutique Rive Gauche a Parigi nel 1966, la moda, da sempre elitaria ed autoreferenziale, divenne più accessibile.

Yves Sain Laurent Rive Gauche, 1991

Yves Sain Laurent Rive Gauche, 1991

Helmut Newton fo YSL Rive Gauche 1993

Helmut Newton fo YSL Rive Gauche 1993

Soltanto attraverso l’analisi e la conoscenza dei talenti che hanno fatto della moda la loro unica ragione di vita, si può davvero comprendere come questa sia lontana dal luogo comune che la considera un diletto superficiale ed inutile, ma, al contrario, abbia un ruolo fondamentale nella cultura e nell’economia di un paese, possa essere simbolo e testamento di una nazione, raccontandone l’essenza più profonda.

YSL by Helmut Newton

YSL by Helmut Newton

Yves Saint Laurent and Pierre Berge

Yves Saint Laurent and Pierre Berge

My article about YSL on Pagina99

My article about YSL on Pagina99

Elisabetta Baou Madingou

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...