Piove

Sabine Weiss, Paris 1955

Sabine Weiss, Paris 1955

Piove a torrenti e ne la bruna via

non passa un cane: i fanali oscillanti

su ‘l fango gittan con malinconia

i loro chiarori scialbi e tremolanti.

Strani mi parlan ne la fantasia

gli scrosci de la pioggia, come pianti;

mentre rompon la monotonia

radi i carri su ‘l lastrico sonanti

Scoppia il tuono e si perde da lontano

co ‘l cupo brontolar: vivo risplende

un lampeggio su ‘l lurido pantano…

Ma io non temo queste rabbie orrende

e con l’ombrello in pugno e ne ‘l pastrano

ti sfido, o pluvio Dio, Gina m’attende

Gabriele D’ Annunzio

Richard Avedon

Richard Avedon