My Blueberry Nights

Perché nessuno ordina mai la torta di mirtilli ma di quella di mele ed del cheesecake non resta nemmeno una fetta…?

Perché le storie d’amore finiscono..?

Perché la gente non va a riprendersi i mazzi di chiavi che dimentica sul bancone del bar…?

Elizabeth dovrà attraversare quasi l’intero Stato per riuscire a tornare indietro a riprendere le sue, per capire che spesso le porte non si vogliono semplicemente aprire, che forse le chiavi sono quelle sbagliate o che lì dietro ad aspettarci non c’è più la persona che avremmo voluto…

My Blueberry Nights

Esistenze più o meno complicate ed interessanti si sfiorano e si incrociano dietro i vetri appannati di un caffè qualunque, in una New York notturna attraversata dai binari della metro, da strade lucide di pioggia ed illuminata da innumerevoli insegne al neon…

In questo viaggio indimenticabile attraverso l’America la giovane dal cuore spezzato conoscerà altre solitudini, altre domande che non trovano risposta: storie in fondo molto simili alla sua , dove amore, sofferenza ed abbandono si mescolano alla voglia di voltare definitivamente pagina e di ricominciare…

La fotografia, i colori, i dialoghi e la colonna sonora in cui non si può fare a meno di ascoltare la voce inconfondibile di Norah Jones, completano una ricetta semplice ma non scontata per questa torta che ha un sapore dolcissimo senza mai diventare stucchevole…

Voto 4/5